Tag: Matteo Renzi

Mélenchon: «Per non girare al guinzaglio del PD dovete esprime un’alternativa netta alla UE»

Alessandro Avvisato, Contropiano

Jean-Luc Mélenchon

Tra le poche buone trasformazioni innescate dalla “stretta” neoliberista – dopo la vittoria di Macron in Francia e il rigurgito di franchismo in Spagna – c’è sicuramente l’aver acceso i riflettori sull’irriformabilità della stessa Ue. Probabilmente – è una battuta, non mettetevi a commentarla… – in queste ore anche Carles Puigdemont ha capito che servirebbe una “rottura” piuttosto che un “aggiustamento” nella struttura sovranazionale che governa di fatto in 27 paesi (e con maggiore forza nella zona euro).

Nella sinistra italiana – tanto “radicale” che “antagonista” – questa consapevolezza stenta ancora a farsi strada, anche se trova resistenze meno feroci di qualche mese fa. Gli sbandamenti assurdi che abbiamo registrato sulla vicenda catalana, però, fanno pensare che dentro questo micromondo i danni siano prodotto dall’egemonia del “pensiero unico” stati assai più gravi di quanto ci si potesse immaginare.

Continua la lettura di “Mélenchon: «Per non girare al guinzaglio del PD dovete esprime un’alternativa netta alla UE»”

Solidarietà ai lavoratori Ericsson licenziati

Nella serata di venerdì 21 luglio, alle ore 20, la multinazionale svedese Ericsson, che ha una sua sede genovese agli Erzelli, ha inviato 61 lettere (email) di licenziamento ad altrettanti dipendenti. Dal sito di Primo Canale apprendiamo che «la notizia arriva a poche ore dalla lettera di “smarcatura” della vertenza da parte del governo che sul progetto della banda ultra larga investe 5 miliardi di soldi pubblici».

Secondo il consigliere regionale di Rete a Sinistra/LiberaMente Gianni Pastorino, dal quale abbiamo ricevuto l’informazione, si tratta di «un metodo che ancora una volta dimostra il totale disinteresse dell’azienda nei confronti dei suoi lavorartori; da lunedì prossimo, i dipendenti coinvolti in questa procedura potranno entrare nella sede Ericsson come “ospiti” per recuperare le proprie cose. Alcuni di loro sono via per le ferie: probabilmente neppure sanno di essere stati licenziati, visto quando, e come, è stata recapitata la lettera».

Continua la lettura di “Solidarietà ai lavoratori Ericsson licenziati”

La proposta di Renzi sul Fiscal Compact è propagandistica e di destra

Nota della Segreteria nazionale PCI.

Dopo aver  fatto approvare in Parlamento (luglio 2012) il patto fiscale (Fiscal Compact) che, in tema di rigore di bilanci pubblici, ha imposto ai Paesi membri dell’Unione europea un’ulteriore stretta rispetto alle già draconiane regole del Trattato di Maastricht e dopo essersi dimostrato più realista del re con l’inclusione in Costituzione del pareggio di bilancio, in ossequio agli orientamenti neoliberisti e antipopolari di Bruxelles, oggi il Pd di Matteo Renzi  scopre l’acqua calda – leggi: gli effetti nefasti di tali decisioni – presagendo evidentemente le conseguenze elettorali  del disastro sociale ed economico da queste prodotto. E azzarda una timida quanto improbabile correzione, provando a ipotizzare un parziale scostamento da quei rigidi dettami.

Continua la lettura di “La proposta di Renzi sul Fiscal Compact è propagandistica e di destra”

Dietro le polemiche interne al PD, un comune obiettivo politico: la gestione di un nuovo patto per l’Europa

Sabato 1 luglio, il PCI parteciperà all’assemblea nazionale di Eurostop. Il nostro Partito ha da tempo maturato il convincimento della negatività e della irriforma-bilità dell’Unione Europea. Proprio in questi giorni, al Consiglio Europeo si stanno prendendo decisioni che riteniamo gravi e pericolose per la pace e per le condizioni di vita della popola-zione italiana. In particolare, si sta decidendo la costituzione di un esercito europeo e l’elezione di un ministro delle Finanze che coordini le politiche dei Paesi membri. A nostro avviso di tratta di un ulteriore attacco alla nostra Costituzione e alla sovranità popolare.

Il compagno Bruno Steri, nell’articolo qui sotto riportato, illusta la posizione del PCI, affrontando argomenti che saranno oggetto del dibattito nel corso dell’assemblea di Eurostop.

Continua la lettura di “Dietro le polemiche interne al PD, un comune obiettivo politico: la gestione di un nuovo patto per l’Europa”

Il segretario nazionale sul fallimento della legge elettorale

Mauro Alboresi (foto: Benvenuti)

COMUNICATO STAMPA

Come in tanti sottolineano, a fronte di quanto accaduto ieri in Parlamento, la nuova legge elettorale, data dai più  in dirittura d’arrivo, è di fatto saltata e le elezioni politiche anticipate si allontanano.

Se ciò sarà confermato si tratta di una buona notizia. La proposta di legge in questione, infatti, è pessima, e  la spinta al voto palesemente dettata da meri interessi di bottega.

Continua la lettura di “Il segretario nazionale sul fallimento della legge elettorale”

“Genova che osa”, l’assemblea di Rete a Sinistra

Domani mattina, sabato 28 gennaio, si svolgerà l’assemblea di Rete a Sinistra, convocata alla Commenda di Pré. Si tratta di un importante punto di avvicinamento alle elezioni amministrative che vedranno Genova chiamata al rinnovamento del Consiglio e della Giunta comunale e dell’occasione per presentare alcuni punti qualificanti di un programma elettorale che si sta definendo con un metodo il più possibile partecipativo (qui potete scaricare il documento introduttivo che affronta cinque temi: spazi, università, reddito minimo d’autonomia, economia della condivisione, mobilità).

Continua la lettura di ““Genova che osa”, l’assemblea di Rete a Sinistra”

La battaglia per la Costituzione prosegue

Mentre eravamo impegnati a sfilare per celebrare la fondazione, novantasei anni fa, del Partito Comunista Italiano, l’agenda politica vedeva un altro importante appuntamento. Si è infatti riunito a Roma il Comitato per il NO al referendum contro la riforma costituzionale promossa dal governo Renzi e sono state prese alcune importantissime decisioni.

In una sala strapiena (la nota che abbiamo ricevuto parla di oltre trecento partecipanti, a dimostrazione dell’interesse per la materia) è apparsa immediatamente evidente la volontà dei comitati territoriali di proseguire il lavoro iniziato. Per cui non si scioglieranno e proseguiranno il loro impegno politico sulla Costituzione. Domenico Gallo ha analizzato le tappe che hanno portato alla vittoria nel referendum costituzionale – e occorre ricordarlo, il PCI c’era e ha messo tutto il suo impegno per il raggiungimento del risultato – e, successivamente, è stata presa la decisione di sostenere in tutte le sedi la necessità che la nuova legge elettorale sia proporzionale (gli unici distinguo sono stati fra chi ritiene che debba essere un sistema proporzionale puro, opzione da noi preferita e sostanzialmente appoggiata dalla maggioranza dell’assemblea, e chi, invece, considera opportuna una quota di sbarramento).

Continua la lettura di “La battaglia per la Costituzione prosegue”

I giovani nel discorso di fine anno del Presidente Matterella

Sergio Mattarella

Nel suo discorso di fine anno, tenuto com’è ovvio con il consueto piglio istituzionale, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha toccato molti punti che andrebbero approfonditi.

Ma su tutti uno sembra particolarmente significativo, perché tocca uno dei problemi più scottanti che i giovani d’oggi devono affrontare, ovvero la fuga all’estero per trovare un lavoro gratificante e giustamente retribuito, come dovrebbe essere loro diritto acquisito e sancito dalla Costituzione Italiana.

Continua la lettura di “I giovani nel discorso di fine anno del Presidente Matterella”