Il segretario Alboresi: “La sinistra smetta di sognare il centro sinistra e scelga invece l’alternativa al PD”

“Non si può immaginare di votare il def, il documento di economia e finanza e anche la legge di stabilità che impegnano questo e i futuri governi e immaginare di essere alternativi o competitori del Pd. Non è corretto. Bisogna decidere da che parte stare”.

(Mauro Alboresi è da un anno e mezzo il segretario del rinato Partito comunista italiano, impresa da far tremare i polsi visto lo stato della sinistra – o di quella che si proclama tale magari ancora profumando di Pd. Questo Pci ha quasi quindicimila iscritti, sedi in quasi tutte le città, un po’ di amministratori locali, stringe alleanze con movimenti fortemente critici con l’Europa della finanza, annovera tra le sue fila anche sindacalisti di base e della Cgil. Ma dei comunisti si parla poco sull’informazione generale).

Segue su Fuoripagina di Vindice Lecis (4 ottobre 2017)

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *