Genova, Alboresi: «Tragedia immane, basta con politica che sacrifica sicurezza e vite a rigore finanziario»

La notizia del crollo del ponte Morandi a Genova e la tragedia delle tante vittime causate sconvolge tutto il Paese. Ad una popolazione sconvolta, il governo ha il dovere di garantire il soccorso urgente e immediato.

L’Italia è un Paese che oramai è chiamato a piangere le conseguenze disastrose di tragedie dovute all’assenza di manutenzione, di messa in sicurezza e di custodia delle opere, delle infrastrutture e del territorio. Queste priorità non possono essere soggette a rigore di spesa o, peggio, a taglio di risorse, come avviene oramai da anni ed anni.

Bisogna invertire questa tendenza, ponendo fine al cosiddetto “rigore”, finanziando un piano straordinario di manutenzione e adeguamento che riguardi tutte le infrastrutture più importanti del Paese. Non si tratta di retorica, ma – a questo punto – di salvare la vita.

di Mauro Alboresi,
Segretario nazionale PCI

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *