Comunicato stampa Rete a Sinistra su elezioni amministrative

Con l’avvicinarsi della campagna elettorale sono in aumento gli articoli dei quotidiani locali che presentano una rosa di nomi papabili e configurano possibili coalizioni elettorali. Da tempo, come Rete a Sinistra abbiamo dichiarato che siamo disponibili a confrontarci con chiunque in forma pubblica, non tramite incontri riservati fra partiti, in maniera trasparente e partecipativa, dialogando sui contenuti e non su nomi e schieramenti. Nei prossimi giorni specificheremo meglio la posizione del PCI sul tema del rinnovo del Consiglio comunale.

Di seguito il comunicato stampa.

Da mesi, quotidianamente, sui media locali si assiste al balletto di nomi per individuare la figura che dovrebbe rianimare il centrosinistra a Genova, (ri)costruendo la coalizione che ha governato il nostro Comune negli ultimi cinque anni quando è evidente quanto siano mutate le condizioni rispettpo alle amministrative del 2012. 
 
Il tavolo di confronto tra le forze di quello che è stato il centrosinistra annunciato dal PD non può essere lo spazio per una discussione sul futuro di Genova. La nostra città è un bivio, deve compiere delle scelte chiare e coraggiose. Questo non può avvenire nel ristretto perimetro dei partiti. Bisogna coinvolgere anche tante realtà del sociale e del mondo del lavoro, movimenti e associazioni.
 
Il nostro percorso continuerà ascoltando e dialogando, con l’obiettivo di lanciare un nostro manifesto per Genova prima della fine di gennaio. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato su alcune proposte con tavoli di lavoro e assemblee per individuare i principali temi del programma che porteremo alle amministrative: lavoro, welfare, periferie e che vedranno nell’appuntamento dell’assemblea pubblica del 28 gennaio un primo momento di discussione.
 
Ad oggi il PD non ha in nessun modo formalizzato una richiesta di incontro annunciata invece sui giornali. Noi siamo disponibili a parlare con tutti, in modo aperto, pubblico e trasparente. Vogliamo una discussione fondata sui contenuti, senza preconcetti e chiusure pregiudiziali ma partendo anche da un valutazione su cosa non ha funzionato in questi ultimi 5 anni. 
 
L’assemblea del 28 gennaio sarà un grande momento pubblico, invitiamo tutti a partecipare. Sarà il lancio della nostra visione della città, punto di partenza per un confronto a 360° con quanti vorranno partecipare.

2 Commenti

  1. Inizio col dire che sono molto contento del fatto che il Pci di Genova abbia un suo spazio sul web.
    Ma l’assemblea pubblica del 28 dove si terrà?
    A che ora?
    Sono tornatoa lavorare sul campo, almen a Genova, e parteciperò con piacere alla riunione.
    Saluti comunisti.

    1. Grazie per l’apprezzamento al sito. Era in cantiere da tempo, l’importante era trovare quei quattro o cinque giorni di calma per metterci mano.
      Non abbiamo indicato il luogo dell’assemblea pubblica del 28 gennaio perché non è ancora stato deciso. Una delle ipotesi è quella di farla in una sede decentrata nei municipi periferici, ma ancora non è stato possibile definire esattamente il luogo.
      Saluti comunisti anche a te

Join the Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *