Ciao Dante

Dante Taccani

Con profondo dispiacere abbiamo appreso della improvvisa e prematura scomparsa del compagno Dante Taccani, noto esponente di Rifondazione Comunista a Genova. La sua scomparsa giunge a pochi giorni dalla notizia della morte di Andrea Tosa, altro esponente di quella Genova che non ci sta, che lotta per cambiare uno status quo devastante, a prescindere dalla formazione politca nella quale si sceglie di militare.

Con Dante e con Andrea abbiamo condiviso molte battaglie – ultima quella per dire NO alla riforma costituzionale di Renzi -, abbiamo litigato, fatto pace, litigato di nuovo, in quel ciclo infinito di scambio di opinioni che è la politica fatta da chi la vive con passione, fra la gente e per la gente, ognuno coerente e testardo nell’affermare le proprie idee, ma sempre rispettoso dell’onestà intellettuale dell’altro.

Nel 2001, Dante Taccani era assessore nella giunta del sindaco Pericu. Dopo i tragici fatti del G8, il suo partito decise di abbandonare la maggioranza in Comune e Dante diede immediatamente le dimissioni, ritornando al suo lavoro di preside all’istituto Bergese di Sestri Ponente, dimostrando maggior attaccamento alle proprie convinzioni che alla proprio “posto al sole”.

La nostra solidarietà e vicinanza va anche a Patrizia, compagna di Dante nella vita e nella lotta al fascismo, oltre che ai loro due figli.

Che la terra ti sia leggera.

Alberto Soave
Segretario Federazione di Genova
Partito Comunista Italiano

Un commento

  1. Taccani è stato il mio preside al Bergese per tanti anni ed avevo molta stima ed affetto per lui come lui ne aveva di me, nonostante le nostre opposte visioni politiche e religiose (io sono cattolico e di Destra). Sebbene fosse un rosso era una bravissima persona! Spero tanto che se la sia cavata andando solo in purgatorio anziché raggiungere i leader comunisti all’inferno. Addio compagno preside!

Join the Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *