Categoria: Italia

Solidarietà nei confronti di chi ha il coraggio di dire la verità

“I nostri torturatori sono al vertice della polizia, lo sforzo che chiediamo a un paese dittatoriale è uno sforzo che abbiamo dimostrato di non saper far per vicende meno drammatiche. I nostri torturatori, o meglio chi ha coperto i torturatori, come dicono le sentenze della Corte di Strasburgo, sono ai vertici della polizia, come possiamo chiedere all’Egitto di consegnarci i loro torturatori?”.

Queste parole sono state pronunciate dal Pubblico Ministero della Corte d’Appello di Genova Enrico Zucca nel corso di un convegno che si è tenuto il 20 marzo. E chiunque abbia vissuto le tragiche giornate del G8 nel 2001 non può che riconoscersi nelle sue affermazioni. In quei giorni nella nostra città si svolsero fatti di inaudita gravità: oltre all’omicidio di Carlo Giuliani, le torture alla Diaz e alla caserma di Bolzaneto, le cariche indiscriminate delle forze dell'”ordine” contro pacifici manifestanti, l’impunità assoluta per provocatori e infiltrati, alcuni giorni di sospensione dei diritti civili.

Continua la lettura di “Solidarietà nei confronti di chi ha il coraggio di dire la verità”

La legislatura dei record!

La legislatura che si è appena chiusa non passerà di certo alla storia per la qualità delle leggi proposte, l’alto dibattito politico, lo stile manifestato dai nostri rapprentanti.

Passerà invece alla storia per aver stabilito una serie di record, tutti negativi. Vediamo qualche dato:

  • 546 cambi di casacca (in media 9,5 al mese)
  • 345 voltagabbana (alla Camera un deputato su tre ha cambiato parrocchia, al Senato quasi uno su due. C’è addirittura chi ha cambiato casacca 9 volte);
  • 558 parlamentari hanno maturato il diritto al vitalizio.

Continua la lettura di “La legislatura dei record!”

Legge di iniziativa popolare per abolire il “Pareggio di Bilancio” introdotto nella Costituzione

Ancora dal Coordinamento per la Dernocrazia Costituzionale riceviamo e pubblichiamo.

Roma, 29 novembre 2017 – Il prossimo 4 dicembre ricorre il primo anniversario della storica vittoria del No nel referendum costituzionale, che ha visto la totale bocciatura, da parte del 60% degli italiani, delle deformazioni volute dal governo Renzi. Un avvenimento politico importante e decisivo, senza il quale non sarebbe stato possibile riaprire la partita della democrazia nel Paese ma che si è cercato e si cerca tutt’ora di derubricare a mero incidente di percorso. Il Coordinamento per la democrazia costituzionale, erede del Comitato per il No, arriva all’appuntamento con due importanti iniziative, non solo per celebrare una scadenza e rivendicare un successo, ma anche e soprattutto per manifestare la propria volontà di continuare l’impegno a difesa della nostra Carta fondamentale. [Tralasciamo di riportare la nota in merito alla prima iniziativa, ovvero l’assemblea nazionlae dei comitati territoriali e delle associazioni aderenti al Coordinamento, che si è tenuta ieri].

Continua la lettura di “Legge di iniziativa popolare per abolire il “Pareggio di Bilancio” introdotto nella Costituzione”

Fermare l’inaccettabile innalzamento dell’età pensionabile e garantire i diritti costituzionali

Con qualche giorno di ritardo, riceviamo la seguente comunicazione del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale. Poiché i temi che vengono trattati sono di assoluto interesse e attualità, la pubblichiamo nonostante la manifestazione cui fa riferimento sia quella dello scorso sabato.

Il 2 dicembre saremo in piazza con la cgil

Roma, 28 novembre 2017 – «La questione pensioni è centrale perché è uno dei terreni più importanti di saldatura tra le generazioni e tra le diverse condizioni di lavoro e di reddito. Terreno purtroppo oggi gravemente compromesso da scelte sbagliate come l’innalzamento dell’età pensionabile (ancor più perché legata ad una aspettativa di vita che mette tutti i lavoratori sullo stesso piano) a livelli molto più alti che in altri paesi europei e in tempi rapidissimi, fino a creare l’anomalia di una massa di lavoratori rimasti senza pensione e senza lavoro». Così Massimo Villone, Alfiero Grandi, Domenico Gallo Mauro Beschi, del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, in una nota nella quale annunciano la propria partecipazione alla giornata di manifestazioni promosse per il 2 dicembre dalla Cgil, a cui invitano a partecipare.

Continua la lettura di “Fermare l’inaccettabile innalzamento dell’età pensionabile e garantire i diritti costituzionali”

Legge elettorale: un punto di partenza per la sinistra

Alfiero Grandi,
vice presidente Coordinamento democrazia costituzionale

Alfiero Grandi

La sinistra sta cercando una prospettiva unitaria; dovrebbe partire dai fondamentali. Se c’è accordo su questi il passo avanti è possibile.

Partiamo dal referendum del 4 dicembre 2016. Nel 2013 la sinistra ha pagato un prezzo per non avere raccolto la spinta dei referendum (vittoriosi) del 2011. Grillo capì l’errore, si intestò i risultati dei referendum più di quanto non avesse meritato sul campo.

La vittoria del No ha impedito la manomissione della Costituzione. Il problema ora non è se si era schierati per il No quanto riconoscere che andava sconfitto un disegno accentratore e autoritario.

Continua la lettura di “Legge elettorale: un punto di partenza per la sinistra”

Nota sulle dichiarazioni del consigliere comunale PD di Ancona, Diego Urbisaglia

Prima di tutto un breve riepilogo dei fatti. Qualche giorno fa Diego Urbisaglia, consigliere comunale del PD di Ancona, postava su Facebook il seguente nessaggio:

Estate 2001. Ho portato le pizze tutta l’estate per aiutare i miei a pagarmi l’università e per una vacanza che avrei fatto a settembre. Guardavo quelle immagini e dentro di me tra Carlo Giuliani con un estintore in mano e un mio coetaneo in servizio di leva parteggiavo per quest’ultimo. Oggi nel 2017 che sono padre, se ci fosse mio figlio dentro quella campagnola gli griderei di sparare e di prendere bene la mira. Sì, sono cattivo e senza cuore, ma lì c’era in ballo o la vita di uno o la vita dell’altro. Estintore contro pistola. Non mi mancherai Carlo Giuliani.

Un esponente politico dovrebbe stare attento a quello che dice e soprattutto scrive. Questo è ancora più valido oggi, al tempo della rete, quando qualsiasi cosa può essere moltiplicata centinaia di volte nel giro di pochi secondi. Inoltre, ma questo lo sanno in pochi, Facebook conserva in memoria ogni post (anche dopo che l’autore lo ha cancellato) per cinque anni. Usare quella che fu una tragedia – e non ci riferiamo solo alla morte di Carlo Giuliani, ma anche alla sospensione della democrazia e alla violenza – ed è tuttora una ferita aperta per la città di Genova. Esisterebbe la facoltà di tacere, specie quando non si conoscono a fondo i termini della questione, ma questa prassi, di fornte alla possibilità di farsi pubblicità gratuita, non viene neanche presa in considerazione. O forse tirare sempre in ballo la drammatica vicenda di Carlo Giuliani è utile per dimenticare le violenze e le ambiguità sulla scuola Diaz e le tortura alla caserma di Bolzaneto? Per il momento lasciamo l’interrogativo in sospeso.

Continua la lettura di “Nota sulle dichiarazioni del consigliere comunale PD di Ancona, Diego Urbisaglia”

Il PCI aderisce all’appello di Tommaso Montanari e Anna Falcone

Il Partito Comunista Italiano risponde si all’appello lanciato da Tommaso Montanari ed Anna Falcone e sarà presente all’iniziativa nazionale  promossa per Domenica 18 Giugno.

Non può non essere condivisa l’esigenza di mettere in campo una proposta politica radicale, alternativa alle politiche imperanti, una diversa agenda per l’Italia, capace di arrestarne il declino, di  rispondere al precipitare della condizione materiale dei più.

Continua la lettura di “Il PCI aderisce all’appello di Tommaso Montanari e Anna Falcone”

Il segretario nazionale sul fallimento della legge elettorale

Mauro Alboresi (foto: Benvenuti)

COMUNICATO STAMPA

Come in tanti sottolineano, a fronte di quanto accaduto ieri in Parlamento, la nuova legge elettorale, data dai più  in dirittura d’arrivo, è di fatto saltata e le elezioni politiche anticipate si allontanano.

Se ciò sarà confermato si tratta di una buona notizia. La proposta di legge in questione, infatti, è pessima, e  la spinta al voto palesemente dettata da meri interessi di bottega.

Continua la lettura di “Il segretario nazionale sul fallimento della legge elettorale”

L’Unità minaccia causa all’Unità e Bobo scende in trincea

Clic per ingrandire

La notizia non è certo da prima pagina, e infatti nell’edizione cartacea del Fatto Quotidiano di oggi si trova in ultima. La notizia, invece ha maggior risalto sul sito del quotidiano diretto da Marco Travaglio: L’Unità, Staino a Renzi: “Mi hai deluso”. Il Cdr: “Non può restare ancora in silenzio, Anche il Manifesto conferma e rimarca la decisione choc preannunciata dalla proprietà al comitato di redazione, ovvero quella di licenziamenti collettivi senza ricorso agli ammortizzatori sociali (questo dedicato a chi ancora crede che il PD sia un partito di sinistra), con decisione unilaterale, non concordata, cioè, insieme al comitato di redazione.

Continua la lettura di “L’Unità minaccia causa all’Unità e Bobo scende in trincea”