Antonio Gramsci

Biografia di Antonio Gramci
Opere di Antonio Gramsci

La vicenda personale di Gramsci gli impedì di pubblicare opere complete strutturate. I “Quaderni del carcere”, la sua opera principale, non erano destinati alla pubblicazione. Erano infatti appunti preparatori per una rielaborazione successiva. Fortunatamente, la cognata riuscì a “trafugarli” dal carcere e a consegnarli, seppure non in ordine cronologico, agli emissari del Partito Comunista. Nel dopoguerra i Quaderni, curati da Felice Platone, vennero pubblicati dall’editore Einaudi in sei volumi ordinati per argomenti omogenei:

Nel 1975 i Quaderni furono pubblicati secondo l’ordine cronologico della loro redazione, a cura di Valentino Gerratana.

Recentemente, il progetto Gramsci source, ha messo online il testo dei Quaderni. Inoltre, un nostro compagno della federazione di Genova ha digitalizzato i Quaderni, nel quadro di un suo progetto di rivisitazione e scoperta di percorsi alternativi all’interno dell’opera.

Di particolare interesse, specialmente per comprendere la psicologia di Gramsci e la sua sofferenza di carcerato, sono le Lettere dal carcere, con l’aggiunta delle Nuove lettere.

Dell’attività di Gramsci come giornalista resta invece traccia, oltre che nelle emeroteche, in diverse raccolte di articoli:

Su Internet, a opera del Centro Gramsci di Documentazione, è disponibile la collezione integrale dell’Ordine Nuovo, accessibile da questa pagina indice.

Dalle lettere e dall’attività di Gramsci come traduttore delle favole dei fratelli Grimm sono state tratte le seguenti raccolte:

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *