Mese: Agosto 2019

Studiare è un diritto !!!

Studiare a caro prezzo

CondividiFacebookTwit

Da un’indagine su quali siano i reali costi da sostenere per una famiglia che iscrive il proprio figlio alle scuole pubbliche superiori emerge che la cifra necessaria per permettere a un ragazzo di studiare si aggira sui 1000 euro. Il PCI: inammissibile, una spesa importante ed insostenibile per la maggior parte delle famiglie

Studiare a caro prezzo

Il Partito Comunista Italiano da sempre si batte per una scuola pubblica, efficiente e realmente gratuita.

A seguito di un’indagine su quali siano i reali costi da sostenere da parte di una famiglia che iscrive il proprio figlio alle scuole pubbliche superiori, è emersa una realtà di gran lunga diversa da quella che auspica da tempo il nostro Partito.

Abbiamo chiesto a diverse famiglie quelle che sono le reali spese da sostenere e, portando l’esempio di un noto liceo artistico Genovese, è emerso che tra: contributo scolastico (170€), libri (322€), materiale didattico (100€), trasporto “pubblico” (395€); la cifra necessaria per permettere al proprio figlio/a di studiare si aggira sui 1000€.

Abbiamo inserito anche il trasporto pubblico poiché, pur facendo parte di un altro argomento su cui ci battiamo da tempo, è una spesa di cui non si può non tener conto per dar la possibilità di studiare al proprio figlio.

È bene precisare che le soglie per il diritto all’esenzione sono veramente basse rispetto al reddito medio delle famiglie italiane. In molti casi quindi, gli esoneri non sono una misura di sostegno efficace.

Tutto questo è inammissibile; una spesa importante ed insostenibile per la maggior parte delle famiglie, costrette a fare dei veri e proprio salti mortali per garantire un futuro ai propri figli; un futuro reso già incerto dalla preoccupante situazione in cui riversa il mondo del lavoro. 

Il Partito Comunista Italiano continuerà a lottare per un sistema scolastico realmente efficiente e gratuito.

L’istruzione è un diritto e non può essere un privilegio per pochi! 

Crescere serenamente dei figli garantendogli un’istruzione non può diventare un lusso!

PARTITO COMUNISTA ITALIANO

Federazione della Liguria

Solidarietà ai lavoratori New Gel e al SiCobas

New Gel: solidarietà del PCI al SiCobas

CondividiFacebookTwit

L’azienda di trasporti di Bolzaneto, presidiata dal sindacato, è da giorni teatro di scontri

New Gel: solidarietà del PCI al SiCobas

Da giorni gli autisti aderenti al sindacato SiCobas stanno presidiando la ditta di trasporti situata a Genova Bolzaneto, New Gel.

Le motivazioni sono gli accordi siglati tra la ditta e la Cisl che prevedono l’innalzamento dell’orario settimanale di lavoro a 58 ore con il pagamento di uno straordinario “forfettario” di 15 minuti al giorno a prescindere dalle ore effettivamente lavorate.

Davvero un bel regalo all’azienda, da parte della Cisl!

Il presidio del SiCobas è giunto oggi al terzo giorno. I lavoratori, oltre all’annullamento di questo accordo, chiedono la stabilizzazione del personale precario che continua ad essere costretto a lavorare con contratti a breve termine. Inoltre denuncia le vessazioni cui sono sottoposti gli iscritti SiCobas, l’attività antisindacale dell’azienda che rifiuta persino di riconoscerlo come sindacato nonostante l’elezione di un rappresentante dei lavoratori.

Le prepotenze cui sono oggetto i lavoratori del SiCobas non sono tollerabili in un paese che si dice “civile”!

Questa notte, durante il picchetto, un autista del SiCobas è stato investito da un magazziniere che si è lanciato contro di lui ad alta velocità per forzare il blocco. L’autista è finito al pronto soccorso. Lo stesso ha fatto il proprietario della ditta che ha forzato il blocco lanciandosi con la sua moto contro questi lavoratori che stanno legittimamente lottando per ritmi di lavoro, salari, contratti dignitosi e contro la piaga del precariato!

Il Partito Comunista Italiano esprime solidarietà e pieno appoggio ai lavoratori e al sindacato SiCobas, che viene continuamente colpito da episodi del genere. Il Partito Comunista Italiano mette a disposizione del SiCobas le sue risorse per sostenere la loro lotta.

Genova, 30/08/2019

Partito Comunista Italiano Federazione di Genova

pci.genova@gmail.com

Comunicato stampa congiunto sul decreto sicurezza bis

Comunicato stampa congiunto.

Il 5 agosto, dopo l’approvazione della Camera il 24 luglio, anche il Senato ha approvato il
Decreto Sicurezza bis, contenente ulteriori inasprimenti di pene e sanzioni per il soccorso in mare dei naufraghi migranti e di misure repressive nei confronti di espressioni di manifestazioni di dissenso e conflitto sociale, sul voto del quale il governo aveva posto la fiducia.
Salvini, impegnato unicamente nella sua continua perversa campagna elettorale basata su una presunta emergenza sicurezza interna e un presunto attacco ai “sacri confini”, ha commentato su Twitter: “Grazie agli italiani e alla Beata Vergine”, espressione talmente falsa e opportunistica da risultare tragicamente comica.
I 5S, pur di ottenere e mantenere la poltrona, si sono alleati con la Lega in un governo che ha
smantellato principi democratici fondamentali, con conseguente crollo dei consensi in favore di un aumento inarrestabile di quelli della Lega e dando il proprio appoggio incondizionato anche a quest’ultimo provvedimento neofascista.
Tale Decreto, ora legge dello Stato, al grido di “Prima gli italiani!”, da un lato, dichiarando fuori
legge il soccorso in mare dei naufraghi migranti, produrrà morte e sofferenza per tanti disperati che chiedono solo il diritto ad una vita libera e dignitosa, dall’altro, attraverso la
criminalizzazione del dissenso espresso con le proteste di piazza, mira ad annullare gli spazi di
libertà personale e collettiva, arrivando a superare in rigidità le norme fasciste di polizia del 1931.
Le norme antimigratorie servono a fomentare una guerra tra poveri che è funzionale al sistema che sfrutta italiani e stranieri in eguale misura, un sistema che utilizza queste formule per nascondere le responsabilità di una classe politica asservita agli interessi delle borghesia e del capitale.
La repressione mira a prevenire qualsiasi forma di dissenso messa in atto dalla classe
lavoratrice, dagli sfruttati, dagli emarginati e da tutta quella parte di società civile che lotta e
lotterà contro il vero nemico.
E’ l’espressione di un sistema dannoso, mirato ad insinuare odio, che non considera i diritti fondamentali della vita delle persone, distraendo le menti con parole vuote e tonanti somministrate alla folla da balconi virtuali.
Oltre alla grave ingiustizia insita in questo provvedimento omicida e liberticida, il governo, ormai in crisi, ha dimostrato una totale indifferenza alle vere e comprovate emergenze del nostro paese che, purtroppo, non possono essere licenziate con i soliti slogan privi di ogni valenza politica e sociale: ricatto occupazionale attraverso la distruzione dello Statuto dei Lavoratori, morti sul lavoro (482 nei primi 6 mesi del 2019 in crescita rispetto al 2018), evasione fiscale, un sistema sanitario orientato al profitto del privato a scapito delle fasce deboli, la pubblica istruzione in sfacelo, un sistema mafioso i cui profitti sommersi si avvicinano sempre più al PIL del paese, infiltrato in ogni aspetto della vita dei cittadini, soprattutto attraverso la costruzione delle “grandi opere” tanto devastanti quanto inutili.
E’ comunque necessario tenere ben presente che non si tratta solo di provvedimenti
antidemocratici, ma è una modalità volta a tutelare e preservare la continuità di un sistema.
Infatti è chiaro e lampante come al disfacimento del tessuto lavorativo e sociale italiano abbiano contribuito precedenti provvedimenti governativi che si chiamano Jobs Act, Buona Scuola, consenso alle devastazioni delle grandi opere, provvedimenti antimigratori (decreto Minniti) che avevano già spianato la strada a questa deriva liberticida e tanto altro, in un crescendo di mala
politica e leaderismo egocentrico che ha colpevolmente aperto le porte al neofascismo
incombente.
Alla luce di tutto questo e agli ultimi accadimenti sfociati in una crisi di governo ordita in spiaggia, si rende doveroso procedere alla chiamata unitaria dei comunisti, della sinistra di classe di quelle forze politiche e associative che condividono i principi di antifascismo, anticapitalismo, libertà dei popoli, giustizia sociale, tutela del lavoro e dei lavoratori, contro ogni forma di discriminazione, razzismo e sfruttamento, al fine di contrastare questa deriva liberticida
e fascista, indifferente al rispetto dei fondamentali diritti civili e umani.
Occorre un rapido confronto, sia in termini nazionali che locali, volto alla concretizzazione di un’iniziativa politica fondata sui valori sopra citati e sulle azioni da svolgere affinché tali valori tornino ad occupare il posto più alto nella mente e nel cuore delle persone.

Partito Comunista Italiano federazione di Genova

Partito della rifondazione comunista Genova

Sinistra Anticapitalista Genova

Altra Liguria

Sinistra Italiana Genova

Emergency Genova

Ass. Italia-Cuba Circolo “Foresti-DeVena” Genova

Ass. Senza Paura-Restiamo Umani

Ora in Silenzio contro la guerra

Ass. Culturale Liguria-Palestina

Comunità San Benedetto al Porto

Voltare pagina!

Partito Comunista Italiano

HomeIn

Voltare pagina!

 10 Agosto 2019

Nota della Segreteria nazionale del Pci

La crisi del governo Conte è un dato di fatto, e lo stesso potrebbe presentarsi dimissionario, od essere sfiduciato, in Parlamento, già dall’inizio della prossima settimana.
Tante le ipotesi che si rincorrono sul cosa potrebbe succedere successivamente ad opera del Presidente della Repubblica, al quale competono le scelte in materia.
Tra quelle più accreditate un governo di transizione o la permanenza di quello attuale fino alle elezioni, per molti, in questo caso, già ad Ottobre.
Che il governo Conte sia giunto al termine dopo 14 mesi è per il PCI una buona notizia, e che si riconsegni al più presto possibile la parola agli elettori la scelta migliore.


La genesi del governo Conte è nota: all’impasse conseguente all’esito del voto del Marzo 2018, si rispose con un inedito e per tanta parte imprevedibile “Contratto di governo” tra Lega e Movimento Cinque Stelle.
Due forze politiche assai diverse tra loro: una dichiaratamente di destra, con marcate pulsioni razziste e con una evidente propensione nazionalista più che sovranista, l’altra dichiaratamente né di destra, né di centro, né di sinistra, autodefinitasi anche interclassista e post ideologica.
Due forze accomunate da un marcato approccio populista, che in nome del fare ha finito con il porre anche pesanti interrogativi circa gli assetti democratici dati.
E’ un dato di fatto che nel tempo, in particolare a seguito dell’esito del voto per il rinnovo del Parlamento Europeo, le politiche del governo Conte si siano sempre più evidenziate a “trazione leghista”, marcatamente di destra: emblematici al riguardo gli orientamenti relativi all’immigrazione, alla finanza, all’economia; un approccio politico che, con la questione dell’autonomia differenziata, arriva perfino a porre in discussione la stessa unità statuale.
E’ altresì un dato di fatto che il Movimento 5 Stelle abbia finito con il rincorrere la Lega e con il perdere quella presunta carica di rottura della quale, a torto, in tanti l’avevano accreditato.
Se la vicenda No TAP e quella No TAV dicono tanto al riguardo, emblematiche risultano essere, da ultimo, la grave decisione del M5S di votare a favore delle candidate ai due ruoli apicali dell’Unione Europea e l’approvazione congiunta del decreto sicurezza che, accanto al tema immigrazione, ha posto in evidenza un’inquietante torsione autoritaria nella concezione e gestione dell’ordine pubblico.

sostieni il partito


Più in generale Lega e M5S hanno dimostrato nei fatti lo scarto tra quanto promesso in campagna elettorale e quanto realizzato nei fatti, anche relativamente alla previdenza ed all’occupazione, i cui provvedimenti si sono rivelati allo stato poco più che “pannicelli caldi”.
Uno scarto tra il dire ed il fare che si è manifestato anche relativamente ai contenuti del cosiddetto“Contratto di governo”.
La ricerca della responsabilità circa il fallimento dell’esperienza di governo gialloverde è all’ordine del giorno, ma a noi questo non interessa, non può interessare.
Ciò che conta è il superamento di una pessima pagina della storia repubblicana, una pagina all’insegna della ricerca del consenso comunque, del sì a tutto ed al contrario di tutto, che ha evidenziato l’assenza di un progetto per il Paese in grado di rispondere per davvero ai bisogni dei cittadini, che continuano a misurarsi con gli effetti della crisi capitalistica, delle politiche scelte per governarla, che oltre alle responsabilità conclamate dei governi di centrodestra e di centrosinistra che si sono succeduti alla guida del Paese, non possono che annoverare anche quelle di Lega e Movimento Cinque Stelle.


Lo sbocco alla crisi di governo in atto che per tanti si prefigura, ossia una forte affermazione della destra, non può non rappresentare un forte elemento di preoccupazione, specialmente per quanto riguarda il prossimo attacco alla Costituzione che si annuncia, con l’autonomia differenziata, la flat tax e un riforma in senso presidenziale delle istituzioni. Uno scenario che delinea uno Stato “massimo” ed autoritario nella gestione della vita pubblica e “minimo” nell’intervento nella vita economica del Paese.

Più di un interrogativo è riferibile al valore dell’alternativa in campo, per molti rappresentata dal Partito Democratico, che pure attraversa una indubbia crisi, la cui piena accettazione del liberismo come prospettiva politica ha codeterminato la situazione attuale.
Certa è una condizione profondamente critica del fenomeno rappresentato dal Movimento Cinque Stelle, ormai una sorta di meteora nel panorama politico italiano.
Noi, i comunisti, siamo e saremo in campo per un’alternativa alle politiche in atto, alle politiche allo stato prospettate, in quanto non rappresentano la risposta ai bisogni del mondo del lavoro, delle masse popolari, del Paese.
​Ciò che serve è voltare pagina per davvero, ossia un progetto di reale cambiamento, politico e sociale, per l’Italia, che passa innanzitutto attraverso il rilancio del ruolo dello Stato nella finanza e nell’economia, la rottura con la centralità del mercato, con la sudditanza euroatlantica dell’Italia, con l’acquiescenza ai diktat dell’Unione Europea, con la cultura liberista imperante, alla quale i fatti dimostrano che anche il governo Conte, le forze che vi hanno dato vita, si sono largamente assoggettate.
Va in tale direzione l’appello “Per l’unità comunista entro un fronte della sinistra di classe” lanciato dal PCI nei giorni scorsi, l’attenzione ad esso che da più parti si è manifestata.


Nelle prossime settimane il partito sarà quindi impegnato ad allargare tale processo unitario, a promuovere iniziative, a carattere generale e particolare, atte a sostanziarlo, nella convinzione che ciò è funzionale ad affermare le risposte necessarie alla crisi in atto.
Un’alternativa è possibile oltre che necessaria.
Voltare pagina si può, si deve!

Roma, 9 Agosto 2019

Appello per l’unità Comunista entro un fronte della sinistra di classe

Appello per l’unità comunista entro un fronte della sinistra di classe

L’esito delle politiche affermatesi nel nostro paese in questi ultimi decenni all’insegna della cultura liberista, dell’austerità, politiche alle quali si sono assoggettati il centrodestra ed il centrosinistra, è sotto gli occhi di tutti: sempre più poveri, insicuri, soli.

Le speranze di cambiamento che in tanti, anche nel mondo del lavoro, hanno riposto nei confronti della Lega e del Movimento Cinque Stelle, che hanno portato all’affermazione del governo Conte, nonostante risultino largamente disattese, si traducono oggi in un crescente consenso tributato al partito di Salvini.

Gli equilibri politici che vanno affermandosi, sempre più orientati a destra, gettano una pesante ipoteca, da tanti punti di vista, sul futuro del nostro Paese, che è e resta profondamente immerso nella propria crisi finanziaria, economica, sociale.
Una crisi che su tale piano, pur con rilevanti differenze, ha investito anche tanta parte dell’Europa, che nell’ambito della conclamata crisi strutturale del sistema capitalista, nella ridefinizione degli equilibri geopolitici determinatasi a seguito del processo di globalizzazione affermatosi all’insegna della concentrazione del capitale finanziario, paga il prezzo più alto.

Un Paese, il nostro, che evidenzia anche una profonda crisi etico/morale e, in un evidente rapporto di causa/effetto, una altrettanto profonda crisi politica.

Le forze comuniste, le forze della sinistra di alternativa, hanno registrato nel tempo, segnatamente in questi ultimi anni, emblematiche le recenti tornate elettorali, il proprio progressivo arretramento, la propria crescente marginalità.

Se da oltre un decennio le prime sono escluse dal Parlamento, è assai probabile che con le prossime elezioni politiche, per tanti inevitabilmente anticipate data la conflittualità interna al governo, anche le seconde ne siano escluse.

E’ tempo di ricostruzione, è tempo di unità.

Come PCI siamo fermamente convinti della necessità di un soggetto capace di tenere assieme la critica agli assetti fondanti del capitalismo, di proporre un’alternativa di sistema, e contemporaneamente di promuovere una opposizione di classe la più ampia ed unitaria possibile.

Una opposizione che ponendo al centro la questione della pace e del disarmo, dell’uscita dell’Italia dalla NATO, della lotta all’imperialismo ed al neocolonialismo, della rottura con questa Unione Europea, dell’affermazione della Carta Costituzionale, promuovendo un ampio ciclo di lotte volto a cambiare i rapporti di forza, si proponga come alternativa credibile agli occhi del blocco sociale assunto a riferimento, a partire dal mondo del lavoro, determinando in tal modo le condizioni per il superamento della propria crisi.

Siamo convinti della necessità di una opposizione che abbia quale suo asse centrale l’unità dei comunisti, ritrovata sulla base di una cultura politica affine, e l’insieme della sinistra di classe.

L’unità dei comunisti entro un fronte della sinistra di classe, politica e sociale, è e resta l’obbiettivo del PCI, che in funzione di ciò lancia un appello a tutte le forze che non si rassegnano alle condizioni date, consapevoli che oggi più che mai è di ciò che c’è bisogno.

L’unità nella diversità è la risposta.

La Segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano

I COMUNISTI NON DIMENTICANO

2agosto 1980: STRAGE DI BOLOGNA!!

Una bomba fascista, quasi quaranta anni fa, devasta la stazione centrale di Bologna e uccide 85 persone, ne ferisce e ne mutila moltissime altre.

Un atto fascista e criminale, i cui esecutori principali #Fioravanti e #Mambro, ex NAR, sono liberi. Per questo attentato ancora attendiamo di sapere i mandanti, come per per tutta la stagione della strategia della tensione.

Come ogni anno, solidarietà alle persone coinvolte, ai parenti delle vittime, ai superstiti e sdegno nei confronti di uno Stato che ha protetto queste bestie!