Mese: Luglio 2017

Lavoro, disoccupazione, povertà. L’analisi e le proposte del PCI

I dati ISTAT e le varie analisi disponibili sui temi di lavoro, disoccupazione e povertà smentiscono le affermazioni del governo sulla ripresa economica nel nostro paese. La drammatica situazione del lavoro in Italia non è conseguenza della crisi economica, ma è il frutto di politiche economiche profondamente sbagliate, cui si deve porre urgentemente rimedio, a partire dall’applicazione del dettato costituzionale.

Continua la lettura di “Lavoro, disoccupazione, povertà. L’analisi e le proposte del PCI”

Incendi: ambiente e territorio sono sotto attacco

In Liguria siamo sensibili al tema degli incendi che nel corso dell’anno, ma soprattutto d’estate, devastano il nostro territorio. Stavamo per accingerci a scrivere qualcosa di nostra iniziativa, ispirati dall'”Amaca” di Michele Serra su Repubblica di oggi, domenica 16 luglio, quando abbiamo ricevuto questa nota del nostro nazionale. Il commentatore di Repubblica stigmatizza fermamente i criminali che appiccano il fuoco, per interessi privati, a cui contrappone il ruolo encomiabile di tutti quegli operatori dello Stato che gli incendi li vanno a spegnere, nell’interesse comune. E fin qui,ci mancherebbe che non fossimo d’accordo. Purtroppo, però, Michele Serra omette di ricordare un dettaglio: l’Italia ha la più grande flotta mondiale di Canadair e di mezzi atti alla gestione delle emergenze boschive, ma, a causa delle riforme raffazzonate e dilettantistiche del governo Renzi (in particolare, per quanto riguarda questo caso, la riforma della Pubblica Amministrazione, a firma di Marianna Madia, che ha eliminato la Guardia Forestale senza prevedere strumenti atti a gestire la fase di transizione), non possono volare.

Continua la lettura di “Incendi: ambiente e territorio sono sotto attacco”

Un commento di USB sul Rapporto annuale dell’INPS

Da USB (Unione Sindacale di Base) Liguria riceviamo una nota in merito al Rapporto annuale dell’INPS, nel quale si omette, per l’ennesima volta, di menzionare le profonde discriminazioni che le donne vivono dentro e fuori il mercato del lavoro nel nostro paese. Data l’importanza dell’argomento e l’attenzione che il nostro Partito dedica al tema delle pari opportunità di genere, abbiamo deciso di riportarla integralmente, preceduta dalla opportuna documentazione.

XVI Rapporto annuale INPS (presentato il 4 luglio 2017 alla Camera dei Deputati)

Continua la lettura di “Un commento di USB sul Rapporto annuale dell’INPS”

La “generalissima” va alla guerra

Roberta Pinotti, ministro della Difesa

Pubbliciamo questa nota di Fosco Giannini, responsabile Dipartimento esteri del PCI, in merito alle dichiarazioni rilasciate dal ministro della Difesa Roberta Pinotti a Washington lo scorso 12 luglio, nel corso di un inconto bilaterale. Pinotti ha formalmente dichiarato la disponibilità italiana ad aumentare la nostra presenza militare in Libia, Siria, Afghanistan.

Roberta Pinotti è genovese e, come tale, la conosciamo bene. Crediamo sia leggimo quindi domandarci come mai colei che fino a qualche anno fa era una pacifista militante (aferì ai “blocchi non violenti” contro la Mostra Navale Bellica, era vicina a Sergio Tedeschi, pacifista di lunga militanza e capo scout, nel 2001 partecipò alla riunione no-global tenutasi a Porto Alegre, ecc.) si sia con altrettantea dedizione convertita alla causa del militarismo più sfrenato, fino a essere stata soprannominata la “generalissma”.

Continua la lettura di “La “generalissima” va alla guerra”

Gaza deve vivere per la vita di tutta la Palestina

Riportiamo il testo di questo appello che abbiamo ricevuto e che condividiamo. Il PCI è sempre stato sensibile al tema della pace in Medio Oriente e alla situazione del popolo palestinese. In fondo al testo trovate il link alla pagina per la firma dell’appello. Facciamo sentire la nostra voce.

La vita della popolazione di Gaza è seriamente messa in pericolo e noi, cittadini/e del mondo, associazioni, gruppi, non credenti e credenti di fedi diverse, sentiamo la responsabilità di agire laddove le Risoluzioni hanno fallito, e porre all’attenzione internazionale questo lento genocidio.

Continua la lettura di “Gaza deve vivere per la vita di tutta la Palestina”

La proposta di Renzi sul Fiscal Compact è propagandistica e di destra

Nota della Segreteria nazionale PCI.

Dopo aver  fatto approvare in Parlamento (luglio 2012) il patto fiscale (Fiscal Compact) che, in tema di rigore di bilanci pubblici, ha imposto ai Paesi membri dell’Unione europea un’ulteriore stretta rispetto alle già draconiane regole del Trattato di Maastricht e dopo essersi dimostrato più realista del re con l’inclusione in Costituzione del pareggio di bilancio, in ossequio agli orientamenti neoliberisti e antipopolari di Bruxelles, oggi il Pd di Matteo Renzi  scopre l’acqua calda – leggi: gli effetti nefasti di tali decisioni – presagendo evidentemente le conseguenze elettorali  del disastro sociale ed economico da queste prodotto. E azzarda una timida quanto improbabile correzione, provando a ipotizzare un parziale scostamento da quei rigidi dettami.

Continua la lettura di “La proposta di Renzi sul Fiscal Compact è propagandistica e di destra”

La posizione del PCI sulla questione ILVA

Lo stabilimento ILVA a Taranto

Il comunicato stampa di seguito riportato è frutto di un intenso scambio di posta elettronica fra i Comitati regionali della Puglia e della Liguria e, in particolare, fra le federazioni di Taranto e Genova. Rappresenta la posizione del Partito Comunista Italiano in merito alla questione ILVA, con particolare riguardo a due questioni che ci stanno particolarmente a cuore e che ci vedono  attivamente impegnati: la salvaguardia dei posti di lavoro e la tutela dalla salute dei cittadini.

La nuova proprietà Ilva affronterà il cosiddetto “risanamento dell’ILVA” scaricandone comunque i pesi finanziari e sociali sulla pelle dei lavoratori e delle loro famiglie.Infatti sono dati certi dell’accordo sia il licenziamento di poco meno della metà degli occupati del gruppo, sia una consistente riduzione dei salari per i “fortunati” che conserveranno il loro posto di lavoro, ed assai incerti e fumosi sono gli impegni di risanamento ambientale; al contempo il prezzo d’acquisto rimane modesto ma sufficiente a restituire i soldi a chi li anticipa, e l’ambientalizzazione rimane sostanzialmente indefinita e a carico di terzi: un vero affare per i nuovi padroni come lo fu 22 anni fa per Emilio Riva garantito nell’acquisizione dal Governo Dini.

Continua la lettura di “La posizione del PCI sulla questione ILVA”

7 luglio 1960: per i morti di Reggio Emilia

Un filo rosso lega Genova e Reggio Emilia. Il 30 giugno 1960 i lavoratori genovesi – sia i portuali che quelli delle fabbriche – e gli studenti scesero in piazza per manifestare contro la scelta scellerata di tenere nella città medaglia d’oro per la Resistenza il congresso del MSI e, di conseguenza, contro il governo Tambroni, che si reggeva grazie all’appoggio parlamentare dei missini.

Nei giorni successivi lo sdegno portò altre città a scendere in piazza e, il 7 giugno la polizia sparò contro i lavoratori di Reggio Emilia, falciando cinque vite. Riportiamo questa riflessione (scritta due anni fa) del compagno Alessandro Fontanesi. In fondo all’articolo trovate un video della canzone “Per i morti di Reggio Emilia”, nella versione degli Stormy Six.

Continua la lettura di “7 luglio 1960: per i morti di Reggio Emilia”

Mediterraneo: cause delle guerre, antimperialismo e libertà dei popoli – atti del convegno

Abbiamo iniziato a ricevere gli atti del convegno che si è tenuto a Catania il 17 giugno, Mediterraneo: cause delle guerre, antimperialismo e libertà dei popoli. E abbiamo iniziato a pubblicarli sul sito di modo che tutti abbiano la possibilità di leggere le riflessioni che sono state presentate in quella sede.

Continueremo a farlo – così come continueremo a occuparci delle questioni relative a ques’area del mondo – mano a mano che ci verranno trasmessi e riteniamo che per completare tutto il dossier ci voglia qualche giorno, visto l’impegno richiesto dal lavoro di trascrizione e traduzione. A questo link trovate la pagina in cui stiamo raggruppando il materiale, compresa l’ordine del giorno presentato e votato all’unanimità Libertà per Marwan Barghuti, eroe del popolo palestinese e combattente per la libertà per ogni popolo oppresso!