Mese: marzo 2017

COMUNICATO STAMPA sugli incidenti mortali in autostrada

I ripetuti incidenti nei cantieri autostradali che hanno costato la morte di tanti operai sul luogo di lavoro non sono tollerabili.

Esortiamo le istituzioni ad subito aprire un tavolo con le concessionarie autostradali per pretendere la messa in sicurezza dei lavoratori.

Ci uniamo ai sindacati e alle parti sociali affinché vengano prese misure urgenti ed efficaci e subito applicabili.

Basta incidenti!

Partito Comunista Italiano
Federazione di Genova

No Ue, No Euro, No Nato: la manifestazione del 25 marzo

Abbiamo ricevuto un aggiornamento relativamente al percorso della manifestazione di sabato 25 marzo. Inizialmente, la manifestazione avrebbe dovuto partire da piazza della Repubblica e concludersi in piazza del Popolo, ma quest’ultima – come tutto il centro di Roma – sarà “zona rossa” per la presenza di tutti i capi di Stato europei.

Continua la lettura di “No Ue, No Euro, No Nato: la manifestazione del 25 marzo”

Verso il 25 marzo: non abbiamo nulla da festeggiare

Abbiamo ricevuto l’invito a partecipare a questa iniziativa da diverse organizzazioni della sinistra genovese. Ci saremo e cercheremo di portare il nostro contributo.

Il 25 marzo si terrà a Roma la celebrazione dei 60 anni dall’avvio del processo di integrazione europeo. Quel processo che ha, fin dall’inizio, tradito tutti gli ideali dell’unificazione dei popoli d’Europa arrivando alla definizione dell’Unione Europea e del processo di integrazione monetaria con l’Euro.

In questi anni la UE ha mostrato il suo vero volto reazionario utilizzando la crisi e l’euro come strumenti di dominio verso le economie più deboli e i lavoratori in tutta Europa. I trattati europei disegnano una Unione Europea costruita a uso e consumo dei padroni e delle banche il cui obiettivo principale è eliminare tutte le conquiste democratiche e sociali che i lavoratori avevano strappato ai governi dopo la seconda guerra mondiale.

Continua la lettura di “Verso il 25 marzo: non abbiamo nulla da festeggiare”

Perché l’8 marzo?

L’iniziativa di celebrare la giornata internazionale della donna fu presa per la prima volta nel febbraio del 1909 su iniziativa del Partito socialista americano. L’anno successivo, l’iniziativa venne ripresa da Clara Zetkin a Copenhagen durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste. Dai documenti congressuali non risultano però chiare le motivazioni che spinsero alla scelta della data dell’8 marzo. Fino al 1921, nei singoli Paesi vennero scelti giorni diversi per la celebrazione.

Durante la Seconda conferenza delle donne comuniste a Mosca (per l’appunto, nel 1921) viene confermata come unica data per le celebrazioni l’8 marzo, per ricordare la manifestazione delle donne di San Pietroburgo contro lo zarismo nel 1917. Quanto segue (tratto dal sito pennatagliente.wordpress.com), è il racconto di quei giorni.

Continua la lettura di “Perché l’8 marzo?”

Basta scuse. Accogliamoli

Riprendiamo, facendolo nostro, un articolo di Left (numero del 10 marzo 2017) sulla mobilitazione in Spagna a favore dell’accoglienza ai migranti. L’articolo fa parte di un servizio più ampio di denuncia delle proposte del ministro degli Interni Minniti.

Il tema è di stretta attualità anche per l’Italia e per Genova e riteniamo sia uno dei principali argomenti su cui confrontarsi nel corso dell’imminente campagna elettorale per le amministrative 2017,

A Madrid e Barcellona la sinistra fa la sinistra

“Basta scuse, Accogliamoli”. In Spagna si va in piazza per difendere i migranti

Continua la lettura di “Basta scuse. Accogliamoli”

Sono comunista

Sono il sorriso di una giovane donna,
sono il pugno chiuso di un bimbo,
sono la falce che ancora miete il grano.

Sono il volto sudato di un operaio,
sono il martello che ancora batte il tempo.
Sono la speranza quando divampa,
sono il vento quando torna a soffiare;
sono comunista e il mio compito non è ancora finito.

Lettera aperta del PCI al presidente di AGCOM

Alla c.a. Prof Angelo Cardani,
Presidente Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Via Isonzo 21/b – 00198 Roma

p.c. Sen. Dott. Pietro Grasso
Presidente Senato della Repubblica

e  On. Dott.ssa Laura Boldrini
Presidente Camera dei Deputati

Roma,  1  marzo 2017

La presente vuole evidenziare alla Sua attenzione il trattamento censorio attuato dalle televisioni pubbliche nei confronti del Partito Comunista Italiano, una nuova forza politica nata nel giugno dell’anno scorso con un’Assemblea costituente a cui hanno preso parte 500 delegati in rappresentanza di tutte le regioni italiane. Un partito politico che conta 10 mila iscritti su tutto il territorio nazionale, che si presenterà alle prossime elezioni amministrative con il proprio nome ed il proprio simbolo in molte grandi città e capoluoghi di provincia. Un partito che concorrerà alle prossime elezioni politiche nazionali.

Continua la lettura di “Lettera aperta del PCI al presidente di AGCOM”